14 Settembre – 22 Ottobre THE BOOKS OF THE ARCHITECTURE OF THE CITY

A cura di Victoria Easton, Kersten Geers e Guido Tesio

Nel 1966, Aldo Rossi pubblica L’architettura della città. Al di là di ogni aspettativa, la ricezione del libro è stupefacente. L’architettura della città diventa subito un classico a livello internazionale, ridefinendo le teorie correnti sulla città e sulla sua progettazione.
Costruito a partire da una inusuale combinazione di frammenti provenienti dalle discipline, le culture e gli autori più svariati, il libro si offre al lettore come un dispositivo concettuale – per quanto opaco – con cui esplorare la complessità della città contemporanea. Con il passare del tempo tuttavia, sarà l’architettura di Rossi stesso, con tutte le sue tarde semplificazioni e prese di posizione grottesche – a determinare una diversa maniera di intendere il libro.
In occasione del cinquantesimo anniversario della pubblicazione del libro questa mostra si presenta come un esercizio teso a celebrare e – allo stesso tempo – de-monumentalizzare un’opera “mitica”, suggerendo la possibilità e l’opportunità di una rinnovata presa di possesso di L’architettura della città.
L’importanza del libro si palesa nell’incertezza che ci accompagna nell’interpretazione e nella progettazione delle nostre città contemporanee. I problemi sollevati da Rossi negli anni ’60 non sono stati tutti superati: le città sono certamente ancora complesse, la loro storia si riflette ancora in maniera contraddittoria e non-lineare nella loro configurazione fisica, i fenomeni urbani continuano a poter essere spiegati solamente tenendo conto della città come di un tutto. È ancora valida la metafora rossiana della città in forma di libro o del libro in forma di città? Forse, dato che la costruzione di questo libro è per molti versi il risultato della costruzione dello stesso architetto, è con L’architettura della cittàche si costruisce, per così dire, Aldo Rossi. Tuttavia con questa mostra, smantellando a posteriori questa costruzione, ci prendiamo la libertà di impedire che questo accada, abbracciando la ricchezza del libro senza pregiudizi.

Risalendo alle fonti cui Rossi ricorre nella costruzione del libro per esporne tanto il loro contenuto testuale quanto quello iconografico, l’esposizione The Books of the Architecture of the City celebra la generosità del libro al di là della fama del suo autore, suggerendo di considerare Aldo Rossi come uno dei tanti autori di un progetto collettivo intimamente sfaccettato chiamato L’architettura della città: un libro fatto di libri.
Pertanto, The Books of the Architecture of the City non propone una nuova esegesi dell’ambiguo capolavoro di Rossi. La mostra offre piuttosto una semplice panoramica di tutto quello che Rossi ha voluto includere nel libro. Così facendo, la mostra espone tutto e niente allo stesso tempo. Qui, per la prima volta, tutti i libri de L’architettura della città sono riuniti e resi accessibili assieme a raccolte di fotocopie che mettono assieme – nel loro formato originale – tutti i brani e le immagini citati da Rossi. Un saggio fotografico di Stefano Graziani si accompagna a questi frammenti di testo.

Raccogliendo il contributo di più di centocinquanta libri, nella sua molteplicità di origini e di riferimenti,L’architettura della città è un organismo dal contenuto mutevole che garantisce la possibilità di un dialogo continuo – tanto interno quanto esterno. Rendendo accessibile in forma analitica questo contenuto, The Books of the Architecture of the City è un invito ad esplorare l’immaginario del libro di Aldo Rossi e ad avventurarsi nella costruzione di nuove analogie e corrispondenze.

In collaborazione con la Fondazione Aldo Rossi ed il sostegno di Form – ENAC – EPFL.

DETTAGLI:

14 settembre ore 18.30 – opening mostra

23 settembre ore 18.30 – incontro
The Architecture of the City – A Palimpsest
Presentazione della rivista CARTHA, edizione Lisbon Architecture Triennale

22 ottobre ore 18.00 – tavola rotonda
Books in Footnotes
Una discussione con Giovanna Borasi (CCA Montreal), François Charbonnet (Made In Architects), Andre Tavares (Lisbon Architecture Triennale), Milica Topalovic (ETH Zurich) e i curatori.

Istituto Svizzero di Milano

                                                                    via Vecchio Politecnico, 3 , Milano

 

 

vai al sito: GIZMO

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...